Discùrs dul Re Busìn par ul carnavàl 2022

Donn e tusàn, óman e fiö, gént da Varées,

di tücc i Castelànz, dul céntro e di paés:

Busìtt, mi va salüdi tücc, cumasessìa

ànca sa semm spartìi par via d’ra pandemìa.

‘Sto Virus cu’i sò variaziùn, porca sidèla,

l’è anmò in gìir e ‘l sa po mia ciapàll sótt sèla!

Inscì ‘l Re Busìn, sa ‘l vör parlàv un cicìn,

‘l dév fall via “media” in dul nòst dialètt busìn.

A prupòsit dul carnavàl l’è necessàri

regurdà un Re Busin dabùn straurdinàri:

un omm da scépa spòtiga bosina

bun da trà fö ‘sta Màscura d’ra naftalìna.

L’è già squasi ‘n ann che lü a l’è vugàa via,

dul Natale Gorini gh’hémm la nustalgìa.

Mi sun sicür che adèss ai santi in Paradìis

cunt i sò businàd ‘l ghe strépa fö ‘n surìis!

Sa parlum di santi, tra quèi püssée impurtànt

gh’è ‘l sant Antòni dul purscèll, da Varées ‘l vant.

Sa l’era mia par i Monelli du la Motta

quest’ann par ul falò sa faseva nagóta.

Par i malànn, al diséva ancasì ‘l Manzoni,

gh’hinn mia gnanca par i fest di sant i eceziùni,

ma sa po fà pulìtiga, giugà al balùn

e gh’è pócch da rispètt par i nòst tradiziùn.

E a prupòsit d’ra pulìtiga, saréss da dì,

gh’è pròpi mia da sta ‘légher, ma pàar a mi!

L’eleziùn dul Presidént du la Republica

l’è stàda ‘na scéna, par tròpp témp, patética.

Pürtròpp l’è dumà l’ültima dimustraziùn,

parchè nünch pudéssum rivà a la cunclüsiùn

che tra la gént nurmàl e chi a Roma la stà

gh’è püssée da ‘n abìss, difìcil da culmà!

L’ann passàa hemm avüü anca nünch i eleziùn:

i busìtt ‘l Sindich l’hann ricunfermà dabùn.

Sa véd che par ul Galimberti gh’è fidùcia

se ‘l sò segùnd quinquèni a Varées l’incumìncia.  

In gìir gh’hinn tanti laurà in pè, a vèss sincér:

pian di staziùn, autostràda, tütt un cantiér.

L’è impurtant ca ‘sa tìra drizz e pésg che in prèssa,

parché di àltar ròbb da fà ghe n’è ‘na rèssa!

Visìn ai gran prugètti ghe vör dass da fà

parchè püssée cüràda la sia la cità.

Pàrlum sia dul centro che du la periferìa:

büs pai stràa hinn tanti e póca pulizìa.

Sa po no dagh tütt i tòrt a la pandemìa

se da nünch, chichinscì, gh’è ‘n quaicòss che ‘l va mìa.

L’àltr’ann sa decantàva la nòstra cità

par cumè sa po vìiv e la sua qualità.

Mi védi però tanti butég saràa sü,

da gént ca sa pàrla pai stràa ghe n’è squàas pü. 

Dìsan che l’è calàda la pupulaziùn:

sperém che di busìtt la sia mia ‘n’estinziùn!

Ma da gént d’ingégn e da bóna voluntà

ghe n’è an’mò, tra i nòst busìtt, ‘na gran quantità.

Ga vöran par la cità e l’amministraziùn

pócch ciàciar da Partìi e püssée suluziùn!

Oh Gént, l’è assée inscì, mi pódi mia fà baldòria

cunt i mè car busìtt… ma, par finì in glòria,

mi va ‘l racumàndi: bevì ‘n bicér da vin

a la salüüt vòstra e dul vòstar…

Re Busin!

Ma che ‘l sia un vin sincér, sun mi che va ‘l cumàndi!

Discorso del Re Bosino per il carnevale 2022

Donne, ragazze, uomini, ragazzi, varesini,

di tutte le Castellanze, del centro e dei paesi:

Bosini, io vi saluto tutti! ugualmente,

anche se siamo distanziati a causa della pandemia.

Questo Virus con le sue variazioni, accidenti,

è ancora in giro e non lo si può sottovalutare!

Così il Re Bosino, se vuole parlarvi un po’.

lo deve fare via “media” nel nostro dialetto bosino.

A proposito del Carnevale è necessario

ricordare un Re Bosino veramente straordinario:

un uomo di autentica stirpe bosina

capace di togliere la naftalina a questa Maschera.

E’ quasi un anno che lui è volato via,

di Natale Gorini abbiamo la nostalgia.

Io sono sicuro che adesso ai santi in Paradiso

con le sue bosinate strappa loro un sorriso!

Se parliamo di santi, tra i più importanti

c’è sant’Antonio del porcello (abate), di Varese il vanto.

Se non fosse stato per i Monelli della Motta

quest’anno per il falò non si faceva nulla.

Per i malanni, lo diceva anche il Manzoni,

non ci sono eccezioni nemmeno per le feste dei santi,

ma si può far politica, giocare al pallone

e c’è poco rispetto per le nostre tradizioni.

E a proposito di politica, ci sarebbe da dire,

non c’è da stare allegri, pare a me!

L’elezione del Presidente della Repubblica

è stata, per troppo tempo, una sceneggiata patetica.

Purtroppo è solo l’ultima dimostrazione,

perché noi potessimo arrivare alla conclusione

che tra la gente qualunque e chi sta a Roma 

c’è più d’un abisso, difficile da colmare!

L’anno scorso abbiamo avuto anche noi le elezioni:

i bosini hanno davvero riconfermato il Sindaco.

Si vede che per Galimberti v’è fiducia

se incomincia il suo secondo quinquennio a Varese.

Ovunque ci sono tanti lavori in corso, a esser sinceri:

piano della stazioni, autostrada, tutto un cantiere.

E’ importante che si tiri dritto e piuttosto in fretta,

perché ce n’è tante d’altre cose da fare!

Vicino ai grandi progetti è necessario darsi da fare

perché la città sia molto più curata.

Parliamo sia del centro che della periferia

le buche per strada son tante e poca la pulizia.

Non si può dar tutte le colpe alla pandemia

se da noi, qui, c’è qualcosa che non va.

L’àltr’anno si decantava la nostra città

per come vi si può vivere e la sua qualità.

Io vedo però tante botteghe chiuse,

di gente che si parla per strada non ce n’è quasi più. 

Dicono che è calata la popolazione:

speriamo che dei bosini non sia l’estinzione!

Ma di persone d’ingegno e di buona volontà

ce n’è ancora tra i nostri bosini una gran quantità.

Ci vogliono per la città e l’amministrazione

poche chiacchiere di Partito e più soluzioni!

Oh Gente, è abbastanza così, io non posso far baldoria

con i miei cari bosini… ma, per finir in gloria,

io vi raccomando: bevete un bicchiere di vino

alla salute vostra e del vostro… Re Bosino!

…Ma che sia vino sincero, son io che ve lo comando!

Discùrs dul Re Busìn par ul carnavàl 2022

Potrebbe anche interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *