Discorso del Re Bosino. Carnevale 2019 Foto

Discùrs dul Re Busìn par ul carnavàl

Donn e tusàn, óman e fiö, gént da Varées,
di tücc i castelànz, dul céntro e di paés:
Busìtt, va salüdi! Vialter ca sii chì
e quii ca ma scultaràn stasìra in TiVì.

Anca quest’ann l’e ‘na grand e bèla emuziùn
vèss chi inséma a unurà ‘sta nòstra tradiziùn.
L’è da giüst che alùra va pàrli un cicinìn
cun vers in rima in dul nòst bèll dialètt busìn.

L’è stai bèll in ‘sti vott dì ‘ndà in gìir e truvà
tànta gént alégra e fiö bèi mascuràa.
Quand ca sa divertìssum in bèla manéra
sa sta inscì ben, tücc inséma, l’è pròpi véra!

Métt a la berlìna, da sòlit l’è l’üsànza,
ul Municìpi, par vüna quài sò mancànza,
invéci vöri cumincià cunt ul parlà
da la gént da Varées, sa gh’è dul malandà.

Cità giardìn? Macché, cità da gran vunciùni!
müür impiastrà da pitùur malnàtt, besasciùni;
rüt lassàa in gìir, sui strà mòbil vécc bandunàa;
giardinìtt, banchétt vùnc, giügh di fiö ruinàa.

I biciclètt giald mandàa a balìn, oh pütàsca!
Parlém no d’ra targa robàda dul Perlasca!
La fin du l’ann passàa ‘l fund l’hémm pròpi tucàa
quand fìna i danée di suor ‘n quaivün l’ha robàa.

Chì gh’è mia Sindic o Re Busin ca’l tégna
se ‘n quaidün l’educaziùn malamént la inségna.
Sémm nünc, cunt i cavèj biànch, a vèss in marèla,
sa incöö la manéra da cumpurtàss l’è quéla!

Ul Talamoni in la sò puesìa ‘l diséva:
“sunt scià ‘n d’un sit ca’l paar ‘n Paradìis”. L’è véra!
Ma par meritàss tanta gràzia dul Signùr
ghe vöran un zìcch da bóna creànza e amùr.

Hinn pién da ramm e föj sécch sottbósch e santée:
netà i nost muntàgn l’è ‘n gran laurà da trà ‘n pée
e in temp da sücìna, se ‘l vént tàca a bufà,
gh’è sèmpar un tòcch da bósch ca ‘l finìss brusàa.

Ca la sìa par cùlpa o dumà distraziùn,
par ul nòst Paradìis l’è ‘na prufanaziùn.
I bósch hinn pulmùni par la nòstra cità,
un ben sènza prèzzi, ca dévum rispetà.

Rispètt par la gént, i animài e la natüra,
e tütt quél ca ‘l po dipénd da la nòstra cüra.
Sigüur gh’è tànta gént da bóna vuluntà:
vultémas indrée i mànigh e démas da fà!

Basta, Re Busìn, te fett tròpp ul muralìsta!
Fórzi incöö l’è pròpi no la giurnàva giüsta.
‘Dèss, ancabén dul discùrs l’è mia ‘l princìpi,
vöri parlà alùra di facc dul municìpi.

In dul dersètt ul culùur blö l’éva da moda,
l’ann passàa sül ròss la s’è giràda la “röda”.
Ròss par fà di biciclètt un tuchèll da stràda,
ròssa la tribüna dul stàdi piciüràda.

Sperém ca ‘l sia mia ànca ‘l culùr dul portaföi
che, par tücc i àltar ròbb da fà, ‘l sia mia vöi:
i stràa da inlüminà, i staziùn d’ra feruvìa,
la caserma (mi spéri… ca la cröda mia!).

Róssa anca quéla dul Varées futbàll la màja.
Tücc adèss savém ben indùa a finì l’è nàia
la squadra che cinquant’ànn fa faséva tremà
la Juventus, ul Milan, l’Inter in série A.

Sücüra la prupietàa l’è mìa dul cumün
(nünc spérum che, par quést, ‘l sa fàga vìiv ‘n quaivün…),
però ‘n quaicòss dabùn ‘l sarìa pròpi da fà
parchè ra squadra la poda ancamò giügà.

Sa dév no lassà indrée tèmp lìber e cultüra:
teàtar e müsica vöran la sò cüra.
Bibliutéca, müsei hinn da tegnì da cünt
e senza taià, cunt ra nòstra storia, i punt!.

La finìssi chì, mò ‘ndé avànti a fà baldòria
cunt i amiis, i vost da cà… e, par finì in glòria,
mi va racumàndi: bevì ‘n bicér da vin
a la salüüt vòstra e dul vòstar…
Re Busin!

Discorso del Re Bosino per il carnevale

Donne e ragazze, uomini e ragazzi, gente di Varese,
di tutte le Castellanze, del centro e dei paesi:
bosini, vi saluto! Voi che siete qui
e quelli che mi ascolteranno stasera alla TV.

Anche quest’anno è una gran bella emozione
essere qui insieme a onorare questa nostra tradizione.
E’ opportuno che allora vi parli un pochino
con versi in rima nel nostro bel dialetto bosino.

E’ stato bello in questa settimana andar in giro e trovare
tanta gente allegra e bei bambini mascherati.
Quando ci si diverte in bella maniera
si sta così bene, tutti insieme, è proprio vero!

Di solito è usanza mettere alla berlina
il Municipio, per qualche sua mancanza,
invece voglio cominciare col parlare
della gente di Varese, se le cose non vanno bene.

Città giardino? Macché, città di gran sporcaccioni!
Muri sporcati da pittori maleducati, pasticcioni;
immondizia lasciata in giro, nelle strade mobili vecchi abbandonati
giardinetti, panchine sporchi, giochi dei bimbi rovinati.

Le biciclette gialle (OFO) mandate in malora, oh che diamine!
Non parliamo della targa rubata del Perlasca!
A fine anno abbiamo proprio toccato il fondo
quando qualcuno ha persino rubato i soldi delle suore.

Qui non c’è né Sindaco né Re Bosino che tenga
se qualcuno insegna l’educazione malamente.
Siamo noi coi capelli bianchi ad essere in colpa
se oggi la maniera di comportarsi è quella!

Il Talamoni diceva nella sua poesia:
“son qui in un posto che sembra un Paradiso!” E’ vero!
Ma per meritarsi tanta grazia di Dio
ci vogliono un po’ di buona creanza e amore.

Sottobosco e sentieri sono pieni di foglie e rami secchi:
tener pulite le nostre montagne è un gran lavoro da mettere in piedi
e in tempo di siccità, se il vento comincia a soffiare,
c’è sempre una parte di bosco che finisce bruciata.

Che sia per colpa o distrazione,
per il nostro Paradiso è una profanazione.
I boschi sono polmoni per la nostra città,
un bene inestimabile che dobbiamo rispettare.

Rispetto per le persone, gli animali e la natura
e per tutto ciò che può dipendere dalla nostra cura.
Di certo ci sono tante persone di buona volontà:
rimbocchiamoci le maniche e diamoci da fare!

Basta, Re Bosino, fai troppo il moralista!
Forse oggi non è proprio la giornata giusta.
Ora, anche se non è l’inizio del discorso,
voglio parlare allora delle faccende del Municipio.

Nel ’17 il colore blu era di moda,
l’anno scorso la “ruota” è girata sul rosso.
Rosso per allestire per le biciclette un pezzetto di strada,
pitturata in rosso la tribuna dello stadio.

Speriamo che non sia anche il colore del portafoglio
che, per tutte le altre cose da fare, non sia vuoto:
le strade da illuminare, le stazioni della ferrovia,
la caserma (spero… che non crolli!).

Rossa anche la maglia del Varese calcio.
Tutti adesso sappiamo bene dov’è finita
la squadra che cinquant’anni fa faceva tremare
Juventus, Milan, Inter in serie A.

Certamente la proprietà non è del Comune
(speriamo che, per questo, si faccia vivo qualcuno…)
però qualcosa davvero sarebbe proprio necessario fare
perché la squadra possa continuare a giocare.

Non si devono trascurare tempo libero e cultura:
teatro e musica richiedono un’appropriata cura.
Biblioteca, musei sono da tener in dovuto conto
e senza tagliare i ponti con la nostra storia!

Mi fermo qui, ora andate pure avanti a far baldoria
con gli amici, i famigliari… e, per finire in gloria,
vi raccomando: bevete un bicchier di vino
alla vostra salute e a quella del vostro
    Re Bosino!

Carnevale 2019

WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.20
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.21 (2)
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.21 (1)
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.21
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.22 (1)
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.22 (2)
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.22
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.23 (1)
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.23 (2)
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.23
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.24 (1)
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.24 (2)
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.24 (3)
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.25
WhatsApp Image 2019-03-10 at 20.48.24
Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image...

Giöbia 2019 e Poeta Bosino 2018

Giovedì 31 gennaio 2019, giovedì di giöbia, la Famiglia Bosina ha festeggiato come sempre la tradizionale festa varesina, invitando soci, amici, autorità al ristorante Vecchia Riva della Schiranna. Pochi fiocchi dal cielo e cena abbondante, con la presenza del Gruppo folk bosino, che ha dato il la con ‘La prima fioca’, canto con testo di Paolo Rattazzi e musica di Giuliano Mangano.

Dopo antipasto e primo piatto, ecco la prima premiazione, una novità introdotta dal nuovo consiglio della Bosina. E’ stata premiata, come donna dell’anno, Sandra Coecke, ricercatrice belga a Varese da 22 anni, su progetto dell’Unione Europea. Un bel modo per festeggiare una donna, oltretutto -come ha sottolineato il regiù Luca Broggini- non nativa di Varese, e del resto non dimentichiamo che la giöbia nasce proprio per salutare gli uomini, che riprendevano i lavori all’estero dopo la pausa natalizia.

Altre portate, altri canti del Gruppo Folk e quindi, prima del dolce, la premiazione del Poeta Bosino 2018. Il Poeta è anche il nostro Re, trattandosi di Antonio Borgato, Re Bosino di Carnevale da quando Natale Gorini ha lasciato lo scettro. Titolo della breve e intensa poesia: ‘L’umbrìa dul temp’. A Borgato la statuetta del Pin Girometta e il diploma, dalle mani del nostro primo cittadino.

Secondo, con la lirica dal titolo ‘Dumà dadrèe d’un sipàri’ una vecchia conoscenza del concorso, e cioè Enrico Tediosi, presidente del Cenacolo dei poeti e prosatori dialettali della Famiglia Bosina. A lui l’artistico riconoscimento, consegnato dal questore di Varese. La terza piazza ci porta a Brinzio, dove risiede Carlo Piccinelli, che ha meritato la medaglia di bronzo con ‘Ra ratera da Milàn’, premiato dall’assessore alla cultura del comune di Varese.

Poi, a sorpresa, anche un quarto premio, inusuale, forse pensato per omaggiare una donna. L’ha vinto Lidia Munaretti (moglie del nuovo Poeta Bosino), che in abito tradizionale (come molte altre signore) ha letto ‘Quàtar pass’, premiato dal Generale delle Guardie di finanza.

Infine altri canti, il dolce a forma di cuore e gli applausi finali per una bella serata tipicamente varesina.

Clicca qui per vedere la classifica Poeta Bosino 2018.

IMG_3642
IMG_3670
IMG_3680
IMG_3659
IMG_3635
IMG_3651
Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image...