Discorso del Re Bosino per il Carnevale 2021

Discùrs dul Re Busìn par ul carnavàl 2021

Donn e tusàn, óman e fiö, gént da Varées,

di tücc i Castelànz, dul céntro e di paés:

Busìtt, mi va salüdi tücc, cumasessìa

ànca sa pódum no truvàss in cumpagnìa.

Ul vìrus cun la “curóna“, ‘mè ‘l füss un re,

l’è ‘n gìir a rump i ball da ‘n’ann e ànca püssée.

Ul Re busìn ‘l vör istéss parlàv un cicìn,

ancabèn via WEB, in dul nòst dialètt busìn.

Sa l’è pö véra quéll che ‘l dis ul Camilleri,

che l’è méi ‘l dialètt par dì i sentimént, quìj séri,

l’è giüst alùra, ànca par nunc da Varées,

ciciarà cumè sa üsa in dul nòst paés.

———————————————————

L’ann passàa ‘l carnavàl ‘l s’è podüü no güstà:

hinn ‘nài ànca a munt tütt i bèi ròbb prugramàa.

Ul Re busìn, anbén cunt i ciav d’ra cità,

l’ha dovüü adatàss e saràss déntar in cà

e tücc s’hinn mascuràa, e mia pa’l carnavàll,

ma par prutégias da ‘l maràgn e mia ciapàll.

Anca ul “Bernascùn” ‘l par ca sa sia adatàa,

e cumè i sò busìtt, ‘l sa véed tütt bèll quatàa

Dumà i can hinn stai cuntént da quésta magàgna:

par lùur ul “lock down” ‘l s’è trasfurmàa in ‘na cuccàgna.

Ma, a la fin, par cuntentà amìis e parént,

ti hett vist da spéss cun la lèngua föra di dént.

———————————————————

Sa dis che Varées l’è tra i püssée bèi cità,

par cumè sa po vìiv e la sò qualità.

Hinn ‘na belézza i giardìtt, i làagh e i muntagn,

ma màncan mia, da sücüür ànca i sò magàgn.

In gìir gh’hinn tanti laurà in pè, a vèss sincér:

staziùn, rondò, piazza dul marcàa, tütt un cantiér.

Sperémm che infìn vàgan in port e pésg che in prèssa,

parché d’altar bèi ròbb da fà ghe n’è ‘na rèssa.

Tücc sa spéttan ca sa rìva a ‘na suluziùn

par la caserma e l’ex àrea Macchi dabùn.

La natüra ul büüs du l’ozòno l’ha stupàa,

sperémm che ‘n ragn dal büüs sìan pö bun da cavàa!

L’è giüst che i stràa sa fàgan par i biciclétt:

l’è impurtànt chè l’aria la fàga mia difètt.

Ma mia cumè a Biumm, in cürva e dumà ‘n tuchèll,

e ubligà i màchin a stà in cùa, al fà mia bèll!

‘Sto ann bisèst l’è stai par la salüüt funèst,

però ànca i butég hinn stai cunsciàà pa’i fest.

Tuchèi da stòria da Varées pian pian gh’hinn pü:

fìna ‘l cafè Zamberletti l’ha saràa sü.

Un bel tocch da stòria ‘l finìss e ‘n tocch ‘l cumìncia

par ul piantùn l’è pö finìda la gran trüscia:

ul Ginkgo Biloba l’è ‘n àrbur resistént,

ma ‘mè sìmbul da Varées l’è pócch cunsistént!

———————————————————

Dabùn l’aministraziùn la gh’ha ul sò da fà,

ma nunc tücc gh’hemm ‘na quai respunsabilitàa.

I Cunsìli di Quartiér hinn stài metüü in pè:

rivaràn a métt ’n quaicoss da bun in dul carnée?

Prima da finìla, vurévi regurdà

che da chi a ‘n quaj mées sarà ‘l témp da ‘nà a vutà

pa ‘l Sìndich e ‘l Cunsìli par i cinq’ann ca ven:

cerchée da dì la vòstra e da fà i ròbb par ben!

Mi sun Re e par mi gh’è dumà la munarchia,

mi capissi pócch di ròbb d’ra demucrazia,

ma da frignà in sui “sòcial”, ‘ndémm, piantéla lì!

la vòstra, ai ségg du la vutaziùn, andé a dì!

———————————————————

La finìssi chì, mi pódi mia fà baldòria

cunt i mè car busìtt… ma, par finì in glòria,

mi va racumàndi: bevì ‘n bicér da vin

a la salüüt vòstra e dul vòstar…

                                               Re Busin!

Discorso del Re Bosino per il carnevale 2021

Donne, ragazze, uomini, ragazzi, varesini,

di tutte le Castellanze, del centro e dei paesi:

Bosini, io vi saluto tutti! ugualmente,

anche se non possiamo trovarci in compagnia.

Un virus con la “corona”, come fosse un re,

è in giro a rompere le scatole da un anno e più.

Il vostro Re vuole ugualmente parlarvi un po’,

anche se via WEB, nel nostro dialetto bosino.

Se è poi vero quel che afferma il Camilleri

che è meglio il dialetto per esprimere i sentimenti, quelli seri,

è giusto allora anche per noi di Varese

chiacchierare com’è usanza nel nostro paese.

———————————————————

L’anno scorso non s’è gustato il carnevale:

sono andati a pallino tutti gli eventi programmati.

Il Re bosino, pur con le chiavi della città,

ha dovuto adattarsi e chiudersi in casa

e tutti si sono mascherati, e non per il carnevale,

ma per protezione dal malanno e dal contagio.

Anche il “Bernascone” (*) pare si sia adattato,

e come i suoi bosini lo si vede tutto ben coperto.

Solo i cani sono stati felici di questa magagna:

per loro il “lock down” s’è trasformato in cuccagna.

Ma alla fine, per accontentare amici e parenti,

li si è visti spesso con la lingua tra i denti.

——————————————————

Si dice che Varese sia tra le più belle città

per come vi si può vivere e la sua qualità.

Sono una bellezza giardini, laghi e montagne,

ma non mancano anche le sue magagne.

Vi sono tanti lavori in corso, ad esser sinceri:

stazioni, rondò, piazza mercato, tutti cantieri.

Speriamo che infine vadano in porto e in fretta,

perché di altre cose da fare ce n’è a bizzeffe.

Tutti s’aspettano che si arrivi ad una soluzione,

davvero, per la caserma e l’ex area Macchi.

La natura ha richiuso il buco dell’ozono,

speriamo che riescano poi a cavare un ragno dal buco!

E’ giusto preparare percorsi per le biciclette:

è importante che l’aria non sia inquinata.

Ma non come a Biumo, in curva e solo un pezzetto,

e obbligare le auto a star in coda non è bello!

L’anno bisesto è stato  funesto per la salute,

però anche i negozi sono conciati per le feste.

Pezzi di storia di Varese pian piano spariscono:

persino il caffè Zamberletti ha chiuso.

Un bel pezzo di storia finisce e uno incomincia.

Per il piantone è poi finito il gran da fare:

il Ginkgo Biloba è un albero resistente,

ma come simbolo di Varese è poco consistente!

——————————————————

Davvero l’amministrazione ha il suo daffare,

ma noi tutti abbiamo qualche responsabilità.

I Consigli di Quartiere sono stati messi in attività:

sapranno mettere qualcosa di buono in carniere?

Prima di terminare, volevo ricordare che,

da qui a un qualche mese, sarà tempo di andare a votare

per Sindaco e Consiglio dei prossimi cinque anni:

cercate di dir la vostra e di far le cose per bene!

Io son Re e per me c’è solo la monarchia,

capisco poco delle cose della democrazia,

ma, suvvia, piantatela di lamentarvi sui “social”!

andate ai seggi per la votazione a dir la vostra!

——————————————————

Mi fermo qui, non posso far baldoria

con i miei cari bosini… ma, per finire in gloria,

vi raccomando: bevete un bicchier di vino

alla vostra salute e a quella del vostro

                                               Re Bosino!

(*) Il campanile di s. Vittore (sec. XVII) progettato dal capomastro/architetto Giuseppe Bernascone

CARNEVALE 2021 E CONCORSO MASCHERINE

CARNEVALE 2021 E CONCORSO MASCHERINE

 

 

Arriva anche quest’anno il CARNEVALE, sarà tra pochi giorni.

La pandemia ci costringe nuovamente ad annullare i festeggiamenti pubblici, ma … niente paura!!

Anche se non possiamo ritrovarci tutti insieme, la Famiglia Bosina organizza ugualmente un concorso per le mascherine!!

Certo, non sarà una festa con tutti i bambini in maschera, con tanto di sfilata, giochi, musica, merenda per tutti.

Serviranno solo delle fotografie.

Avete preparato il vostro travestimento? Inviateci una foto del/la bambino/a in maschera e potrete partecipare al nostro concorso.

 

Ci sono delle regole da seguire, molto semplici, ma necessarie per la buona riuscita dell’evento.

  • Il concorso è
  • La partecipazione è riservata ai bambini che hanno un’età che consente loro di frequentare la scuola dell’infanzia e la scuola (2 – 11 anni)
  • E’ indispensabile un consenso scritto da parte dei
  • Anche se non tutte le foto saranno pubblicate, sarebbe meglio che il viso del bambino fosse mascherato o truccato in modo da non renderlo direttamente
  • Le foto devono essere inviate entro le ORE 12,00 DI GIOVEDI’ 18 FEBBRAIO 2021 al seguente indirizzo segreteria@famigliabosina.it
  • Per mezzo dell’allegato, con la foto devono essere comunicati il nome e l’età del bambino, oltre ai recapiti telefonici e/o e-mail dei
  • I nomi dei vincitori e le foto saranno pubblicati sabato 20 febbraio
  • La premiazione sarà effettuata in primavera inoltrata, in occasione di una festa della Famiglia Bosina, non appena le restrizioni della pandemia lo consentiranno; sarà data comunicazione a mezzo stampa.
  • I vincitori saranno avvisati

 

Vi aspetto!!                                                           Il vostro Re Bosino

CLICCA QUI PER SCARICARE IL MODULO DI PARTECIPAZIONE

Discorso del Re Bosino. Carnevale 2019 Foto

Discùrs dul Re Busìn par ul carnavàl

Donn e tusàn, óman e fiö, gént da Varées,
di tücc i castelànz, dul céntro e di paés:
Busìtt, va salüdi! Vialter ca sii chì
e quii ca ma scultaràn stasìra in TiVì.

Anca quest’ann l’e ‘na grand e bèla emuziùn
vèss chi inséma a unurà ‘sta nòstra tradiziùn.
L’è da giüst che alùra va pàrli un cicinìn
cun vers in rima in dul nòst bèll dialètt busìn.

L’è stai bèll in ‘sti vott dì ‘ndà in gìir e truvà
tànta gént alégra e fiö bèi mascuràa.
Quand ca sa divertìssum in bèla manéra
sa sta inscì ben, tücc inséma, l’è pròpi véra!

Métt a la berlìna, da sòlit l’è l’üsànza,
ul Municìpi, par vüna quài sò mancànza,
invéci vöri cumincià cunt ul parlà
da la gént da Varées, sa gh’è dul malandà.

Cità giardìn? Macché, cità da gran vunciùni!
müür impiastrà da pitùur malnàtt, besasciùni;
rüt lassàa in gìir, sui strà mòbil vécc bandunàa;
giardinìtt, banchétt vùnc, giügh di fiö ruinàa.

I biciclètt giald mandàa a balìn, oh pütàsca!
Parlém no d’ra targa robàda dul Perlasca!
La fin du l’ann passàa ‘l fund l’hémm pròpi tucàa
quand fìna i danée di suor ‘n quaivün l’ha robàa.

Chì gh’è mia Sindic o Re Busin ca’l tégna
se ‘n quaidün l’educaziùn malamént la inségna.
Sémm nünc, cunt i cavèj biànch, a vèss in marèla,
sa incöö la manéra da cumpurtàss l’è quéla!

Ul Talamoni in la sò puesìa ‘l diséva:
“sunt scià ‘n d’un sit ca’l paar ‘n Paradìis”. L’è véra!
Ma par meritàss tanta gràzia dul Signùr
ghe vöran un zìcch da bóna creànza e amùr.

Hinn pién da ramm e föj sécch sottbósch e santée:
netà i nost muntàgn l’è ‘n gran laurà da trà ‘n pée
e in temp da sücìna, se ‘l vént tàca a bufà,
gh’è sèmpar un tòcch da bósch ca ‘l finìss brusàa.

Ca la sìa par cùlpa o dumà distraziùn,
par ul nòst Paradìis l’è ‘na prufanaziùn.
I bósch hinn pulmùni par la nòstra cità,
un ben sènza prèzzi, ca dévum rispetà.

Rispètt par la gént, i animài e la natüra,
e tütt quél ca ‘l po dipénd da la nòstra cüra.
Sigüur gh’è tànta gént da bóna vuluntà:
vultémas indrée i mànigh e démas da fà!

Basta, Re Busìn, te fett tròpp ul muralìsta!
Fórzi incöö l’è pròpi no la giurnàva giüsta.
‘Dèss, ancabén dul discùrs l’è mia ‘l princìpi,
vöri parlà alùra di facc dul municìpi.

In dul dersètt ul culùur blö l’éva da moda,
l’ann passàa sül ròss la s’è giràda la “röda”.
Ròss par fà di biciclètt un tuchèll da stràda,
ròssa la tribüna dul stàdi piciüràda.

Sperém ca ‘l sia mia ànca ‘l culùr dul portaföi
che, par tücc i àltar ròbb da fà, ‘l sia mia vöi:
i stràa da inlüminà, i staziùn d’ra feruvìa,
la caserma (mi spéri… ca la cröda mia!).

Róssa anca quéla dul Varées futbàll la màja.
Tücc adèss savém ben indùa a finì l’è nàia
la squadra che cinquant’ànn fa faséva tremà
la Juventus, ul Milan, l’Inter in série A.

Sücüra la prupietàa l’è mìa dul cumün
(nünc spérum che, par quést, ‘l sa fàga vìiv ‘n quaivün…),
però ‘n quaicòss dabùn ‘l sarìa pròpi da fà
parchè ra squadra la poda ancamò giügà.

Sa dév no lassà indrée tèmp lìber e cultüra:
teàtar e müsica vöran la sò cüra.
Bibliutéca, müsei hinn da tegnì da cünt
e senza taià, cunt ra nòstra storia, i punt!.

La finìssi chì, mò ‘ndé avànti a fà baldòria
cunt i amiis, i vost da cà… e, par finì in glòria,
mi va racumàndi: bevì ‘n bicér da vin
a la salüüt vòstra e dul vòstar…
Re Busin!

Discorso del Re Bosino per il carnevale

Donne e ragazze, uomini e ragazzi, gente di Varese,
di tutte le Castellanze, del centro e dei paesi:
bosini, vi saluto! Voi che siete qui
e quelli che mi ascolteranno stasera alla TV.

Anche quest’anno è una gran bella emozione
essere qui insieme a onorare questa nostra tradizione.
E’ opportuno che allora vi parli un pochino
con versi in rima nel nostro bel dialetto bosino.

E’ stato bello in questa settimana andar in giro e trovare
tanta gente allegra e bei bambini mascherati.
Quando ci si diverte in bella maniera
si sta così bene, tutti insieme, è proprio vero!

Di solito è usanza mettere alla berlina
il Municipio, per qualche sua mancanza,
invece voglio cominciare col parlare
della gente di Varese, se le cose non vanno bene.

Città giardino? Macché, città di gran sporcaccioni!
Muri sporcati da pittori maleducati, pasticcioni;
immondizia lasciata in giro, nelle strade mobili vecchi abbandonati
giardinetti, panchine sporchi, giochi dei bimbi rovinati.

Le biciclette gialle (OFO) mandate in malora, oh che diamine!
Non parliamo della targa rubata del Perlasca!
A fine anno abbiamo proprio toccato il fondo
quando qualcuno ha persino rubato i soldi delle suore.

Qui non c’è né Sindaco né Re Bosino che tenga
se qualcuno insegna l’educazione malamente.
Siamo noi coi capelli bianchi ad essere in colpa
se oggi la maniera di comportarsi è quella!

Il Talamoni diceva nella sua poesia:
“son qui in un posto che sembra un Paradiso!” E’ vero!
Ma per meritarsi tanta grazia di Dio
ci vogliono un po’ di buona creanza e amore.

Sottobosco e sentieri sono pieni di foglie e rami secchi:
tener pulite le nostre montagne è un gran lavoro da mettere in piedi
e in tempo di siccità, se il vento comincia a soffiare,
c’è sempre una parte di bosco che finisce bruciata.

Che sia per colpa o distrazione,
per il nostro Paradiso è una profanazione.
I boschi sono polmoni per la nostra città,
un bene inestimabile che dobbiamo rispettare.

Rispetto per le persone, gli animali e la natura
e per tutto ciò che può dipendere dalla nostra cura.
Di certo ci sono tante persone di buona volontà:
rimbocchiamoci le maniche e diamoci da fare!

Basta, Re Bosino, fai troppo il moralista!
Forse oggi non è proprio la giornata giusta.
Ora, anche se non è l’inizio del discorso,
voglio parlare allora delle faccende del Municipio.

Nel ’17 il colore blu era di moda,
l’anno scorso la “ruota” è girata sul rosso.
Rosso per allestire per le biciclette un pezzetto di strada,
pitturata in rosso la tribuna dello stadio.

Speriamo che non sia anche il colore del portafoglio
che, per tutte le altre cose da fare, non sia vuoto:
le strade da illuminare, le stazioni della ferrovia,
la caserma (spero… che non crolli!).

Rossa anche la maglia del Varese calcio.
Tutti adesso sappiamo bene dov’è finita
la squadra che cinquant’anni fa faceva tremare
Juventus, Milan, Inter in serie A.

Certamente la proprietà non è del Comune
(speriamo che, per questo, si faccia vivo qualcuno…)
però qualcosa davvero sarebbe proprio necessario fare
perché la squadra possa continuare a giocare.

Non si devono trascurare tempo libero e cultura:
teatro e musica richiedono un’appropriata cura.
Biblioteca, musei sono da tener in dovuto conto
e senza tagliare i ponti con la nostra storia!

Mi fermo qui, ora andate pure avanti a far baldoria
con gli amici, i famigliari… e, per finire in gloria,
vi raccomando: bevete un bicchier di vino
alla vostra salute e a quella del vostro
    Re Bosino!

Carnevale 2019

CARNEVALE BOSINO 2019

Il programma di quest’anno

SCARICA IL MANIFESTO UFFICIALE

SABATO 2 MARZO

  • Apertura carnevale
  • ore 15.00  da stazione FNM corteo con Re Bosino e autorità
    (percorso: Stazione Nord – via Morosini – p.zza XX settembre via Vittorio Veneto – C.so Moro – P.zza monte Grappa –
    C.so Matteotti – Piazza Carducci – c.so matteotti – P.zza Monte Grappa – via Marcobi – Via Sacco)
  • ore 15,30 /16.00
    • Giardini Estensi
      • Piccolo Coro Rosetum di Besozzo e Piccolo Coro Valcuvia da  Azzio diretti da Margherita Gianola
      • Palazzo Estense Sala Matrimoni
        • consegna delle chiavi della Città dal Sindaco al Re Bosino
  • GIOVEDI’ 7 MARZO
      • ore 14.00  centro diurno disabili Anaconda 
      • ore 16.00  reparto pediatria Ospedale del Ponte con animazione della “Bottega delle Meraviglie”

     

  • VENERDI’ 8 MARZO
    ore 14.00  presso Collegio De Filippi  (via Brambilla,15 – raggiungibile con linea bus H)

    • Premiazione “Mascherina d’Oro Famiglia Bosina”
    • merenda offerta a tutti i bambini
      con animazione della “Bottega della Meraviglie”
  • SABATO 9 MARZO
    • ore 14.30  sfilata carri allegorici
      (percorso: via Sacco – via Marcobi – p.zza Monte Grappa – via Volta – via Manzoni – via Avegno – via Mazzini –
      p.zza XX Settembre – via Vittorio Veneto – corso Moro – p.zza Monte Grappa – corso Matteotti – p.zza Carducci –
      via Broggi – via Veratti – via Marcobi – p.zza Monte Grappa – via Volta – via Manzoni – P.zza Repubblica)
    • ore 16.30   P.zza Repubblica
    • discorso del Re Bosino e premiazioni Carri e Gruppi
    • Banchi gastronomici e distribuzione vin brulé e zucchero filatoIN CASO DI MALTEMPO LA SFILATA SI SVOLGERÀ  SABATO 16 MARZO