CARNEVALE BOSINO 2019

Il programma di quest’anno

SABATO 2 MARZO

  • Apertura carnevale
  • ore 15.00  da stazione FNM corteo con Re Bosino e autorità
    (percorso: Stazione Nord – via Morosini – p.zza XX settembre via Vittorio Veneto – C.so Moro – P.zza monte Grappa –
    C.so Matteotti – Piazza Carducci – c.so matteotti – P.zza Monte Grappa – via Marcobi – Via Sacco)
  • ore 15,30 /16.00
    • Giardini Estensi
      • Piccolo Coro Rosetum di Besozzo e Piccolo Coro Valcuvia da  Azzio diretti da Margherita Gianola
      • Palazzo Estense Sala Matrimoni
        • consegna delle chiavi della Città dal Sindaco al Re Bosino
  • GIOVEDI’ 7 MARZO
      • ore 14.00  centro diurno disabili Anaconda 
      • ore 16.00  reparto pediatria Ospedale del Ponte con animazione della “Bottega delle Meraviglie”

     

  • VENERDI’ 8 MARZO
    ore 14.00  presso Collegio De Filippi  (via Brambilla,15 – raggiungibile con linea bus H)

    • Premiazione “Mascherina d’Oro Famiglia Bosina”
    • merenda offerta a tutti i bambini
      con animazione della “Bottega della Meraviglie”
  • SABATO 9 MARZO
    • ore 14.30  sfilata carri allegorici
      (percorso: via Sacco – via Marcobi – p.zza Monte Grappa – via Volta – via Manzoni – via Avegno – via Mazzini –
      p.zza XX Settembre – via Vittorio Veneto – corso Moro – p.zza Monte Grappa – corso Matteotti – p.zza Carducci –
      via Broggi – via Veratti – via Marcobi – p.zza Monte Grappa – via Volta – via Manzoni – P.zza Repubblica)
    • ore 16.30   P.zza Repubblica
    • discorso del Re Bosino e premiazioni Carri e Gruppi
    • Banchi gastronomici e distribuzione vin brulé e zucchero filato

      IN CASO DI MALTEMPO LA SFILATA SI SVOLGERÀ  SABATO 16 MARZO

Giöbia 2019 e Poeta Bosino 2018

Giovedì 31 gennaio 2019, giovedì di giöbia, la Famiglia Bosina ha festeggiato come sempre la tradizionale festa varesina, invitando soci, amici, autorità al ristorante Vecchia Riva della Schiranna. Pochi fiocchi dal cielo e cena abbondante, con la presenza del Gruppo folk bosino, che ha dato il la con ‘La prima fioca’, canto con testo di Paolo Rattazzi e musica di Giuliano Mangano.

Dopo antipasto e primo piatto, ecco la prima premiazione, una novità introdotta dal nuovo consiglio della Bosina. E’ stata premiata, come donna dell’anno, Sandra Coecke, ricercatrice belga a Varese da 22 anni, su progetto dell’Unione Europea. Un bel modo per festeggiare una donna, oltretutto -come ha sottolineato il regiù Luca Broggini- non nativa di Varese, e del resto non dimentichiamo che la giöbia nasce proprio per salutare gli uomini, che riprendevano i lavori all’estero dopo la pausa natalizia.

Altre portate, altri canti del Gruppo Folk e quindi, prima del dolce, la premiazione del Poeta Bosino 2018. Il Poeta è anche il nostro Re, trattandosi di Antonio Borgato, Re Bosino di Carnevale da quando Natale Gorini ha lasciato lo scettro. Titolo della breve e intensa poesia: ‘L’umbrìa dul temp’. A Borgato la statuetta del Pin Girometta e il diploma, dalle mani del nostro primo cittadino.

Secondo, con la lirica dal titolo ‘Dumà dadrèe d’un sipàri’ una vecchia conoscenza del concorso, e cioè Enrico Tediosi, presidente del Cenacolo dei poeti e prosatori dialettali della Famiglia Bosina. A lui l’artistico riconoscimento, consegnato dal questore di Varese. La terza piazza ci porta a Brinzio, dove risiede Carlo Piccinelli, che ha meritato la medaglia di bronzo con ‘Ra ratera da Milàn’, premiato dall’assessore alla cultura del comune di Varese.

Poi, a sorpresa, anche un quarto premio, inusuale, forse pensato per omaggiare una donna. L’ha vinto Lidia Munaretti (moglie del nuovo Poeta Bosino), che in abito tradizionale (come molte altre signore) ha letto ‘Quàtar pass’, premiato dal Generale delle Guardie di finanza.

Infine altri canti, il dolce a forma di cuore e gli applausi finali per una bella serata tipicamente varesina.

Clicca qui per vedere la classifica Poeta Bosino 2018.

IMG_3651
IMG_3659
IMG_3680
IMG_3670
IMG_3635
IMG_3642
Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image...

Tutta Varese parla di noi: La festa della Giöbia è alle porte.

La festa della Giöbia è alle porte!

Appuntamento che i varesini rinnovano di generazione in generazione.

La prealpina scrive di noi:

 

 

Clicca sull’immagine per leggere l’articolo di www.varesenews.it

 

 

 

 

 

 

Clicca sull’immagine per leggere l’articolo di varesenoi.it

Festa d’ra Giöbia 2019

Giovedì 31 gennaio - ore 20.00
RISTORANTE VECCHIA RIVA Loc.Schiranna(Varese)

Tradizionale cena in onore del gentil sesso,
con proclamazione dei vincitori del concorso Poeta Bosino 2018.
Allieterà la serata il Gruppo Folkoristico Bosino.

Prenotazioni entro sabato 26 gennaio 2019 presso:

Libreria Antiquaria Canesi - Via Walder 39 VA (Tel 0332 287047)
Cristina lotti Tel. 328 7656189 - segreteria@famigliabosina.it

Auguri in dialètt

Il chiostro di Voltorre ha ospitato domenica 16 dicembre, alle ore 15.30, i tradizionali ‘Auguri in dialètt’, proposti come sempre dal Cenacolo dei poeti e prosatori dialettali della Famiglia Bosina. Il dinamico presidente Enrico Tediosi ha organizzato una festa ricca di sorprese. Anzitutto ecco il Gruppo Folk Bosino, con Elisa Cremona ed Enea Biumi alle fisarmoniche, che ha presentato i brani classici del repertorio e in aggiunta il nuovo canto ‘La prima fioca’, parole di Paolo Rattazzi (era presente la figlia) e musica di Enea Biumi. E sempre per stare in musica, non poteva mancare la chitarra di Sergio Caniati, ormai una presenza costante di questa festa. Ma soprattutto non sono mancati i veri protagonisti, e cioè i poeti dialettali, almeno una ventina, che hanno declamato i loro versi. Lotteria, rinfresco e infine gli auguri: buon Natale e buona poesia, con la speranza che il nostro bel dialetto abbia lunga vita.

Il Calandàri in Sala Montanari

Per il secondo anno il Calandàri dra Famiglia Bosina è stato presentato anche in Sala Montanari, e la presentazione si è svolta domenica 16 dicembre, alle ore 10. Un incontro che ha alternato parole e musica. Dopo i saluti del regiù Luca Broggini, è stata la volta del Coro Nova Vox del Civico Liceo Musicale di Varese, diretto dal maestro Gabriele Conti, ragazzi e giovani fra i 16 e i 24 anni che, accanto allo studio di uno strumento, si dedicano con passione alla pratica del canto corale. Proposti quattro brani natalizi, ottimamente eseguiti: Il est né divin enfant, Hark how the bells, una versione davvero originale della classica Silent night e infine The holly and the ivy. Carlo Zanzi, curatore del Calandàri, ha brevemente presentato il volume per il 2019, poi altra musica, regalata dal Gruppo Folk Bosino. E’ stata eseguita in anteprima la canzone ‘La prima fioca’, parole di Paolo Rattazzi e musica di Enea Biumi, che suonava la fisarmonica insieme a Elisa Cremona. Infine: Viva Varés. Alcuni ospiti hanno ricevuto il Calandàri: anzitutto la donna di copertina, e cioè l’ex ciclista professionista Noemi Cantele, con lei Angelo Puricelli per l’Agenzia Blitz (che ha realizzato la foto di copertina, e cioè Noemi Cantele con al collo la medaglia mondiale, Mendrisio 2009) e Pippo Gazzotti, qualificato tecnico dello sci nordico nazionale. Silvano Colombo, collaboratore del Calandàri, ha ricordato il nonno Enrico, fonditore di campane, al quale verrà presto dedicata una via alla Madonna del Monte. Infine altra musica, questa volta country-folk. Saul (accompagnato da Sara Mainardi, Guido Zanzi e Gino Mancuso) ha presentato il suo nuovo cd ‘In between things’. Foto di gruppo con Noemi Cantele e il Gruppo Folk, quindi l’arrivederci al 2019, per il Calandàri 2020.

Festa degli Auguri 2018 e Calandàri 2019

Giovedì 6 dicembre il Salone Estense di Varese ha ospitato la Festa degli Auguri 2018 della Famiglia Bosina. Sala senza sedie vuote, autorità (fra le tante, il prevosto e il borgomastro di Varese) e naturalmente il regiù Luca Broggini e l’ex regiù Augusto Caravati. La serata è stata introdotta dal gruppo Folkloristico Bosino, a sua volta preceduto dallo zampognaro. E’ stata la tradizionale piva natalizia ad aprire le danze, anzi, la cena. Fra i vari canti proposti, anche una novità. Enea Biumi, fisarmonicista, ha musicato la poesia di Paolo Rattazzi, ‘La prima fioca’, accompagnato alla fisarmonica da Elisa Cremona. Quindi la cena. Robertino Ghiringhelli, docente universitario, ha presentato il Calandàri 2019 che, come tradizione insegna, viene presentato durante la Festa degli Auguri, regalo natalizio per i varesini. In copertina la foto di Noemi Cantele, che nel 2009 vinse due medaglie ai Mondiali di ciclismo di Mendrisio: un omaggio alle donne bosine.