• An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow

Prossimi eventi

Mercoledì 21 Dicembre
Termine consegna Poesie dialettali
Concorso di poesia dialettale

“ POETA BOSINO 2016"

Bando di concorso

Poesia in Lingua

PDF-download-icon


Benvenuto nel sito della Famiglia Bosina

Custode del dialetto, delle usanze e della storia di Varese, la Famiglia Bosina, da oltre cinquanta anni, anima la città nel segno della trazione. Importante memoria storica di ciò che altrimenti andrebbe perduto. Tra i suoi fondatori Clemente Maggiora e Mario Lodi.

Mario Lodi: Il numero del settimanale varesino "Il Matocco" del 7 maggio 1947 riportava a grandi lettere il titolo "È nata la Famiglia Bosina". Al giorno successivo, ovvero l’8 maggio festa di San Vittore, si deve far risalire la nascita della Associazione. La data ufficiale di fondazione va ricercata nel 1955 quando uscì il primo numero del Calandari in cui furono pubblicati i nomi di tutti i soci fondatori. Ogni anno da allora nella festa di San Ambrogio viene presentato il numero del Calandari, con le cronache dell’anno precedente.

Clemente Maggiora: L’idea era quella di riunire la gente bosina e conservare le tradizioni, il dialetto e la storia di Varese. Si voleva evitare che questo patrimonio andasse disperso in una città che aumentava sempre di più per numero di abitanti e dimensioni territoriali. Ricordiamo che nel 1927 Varese contava 27mila cittadini e nel 1958 ne aveva ormai oltre 42mila.

Bosino è l’appellativo con cui vengono chiamati da sempre i varesini. L’origine del nome però è controversa. Esistono diverse tesi: c’è chi attribuisce la derivazione dalla Val Bossa, chi lo vede come un soprannome da Sant’Ambrogio. I varesini, infatti venivano soprannominati ambrogini ed infine bosini. La terza tesi vuole il nome come appellativo con il quale i milanesi chiamavano i contadini della nostra zona. Allora Varese era un contado circoscritto dal vellone, a forma ellittica entro il quale vi era il borgo.

Vi è naturalmente una grande attenzione per il dialetto, una lingua che ormai si sta esaurendo e che in pochi, soprattutto tra i giovani, parlano. In questo senso abbiamo ristampato tutta l’opera, anche inedita, di Speri della Chiesa, il più grande poeta varesino. Abbiamo compilato un vocabolario bosino, dopo un’accurata ricerca sulla lingua e la terminologia del dialetto. Abbiamo inoltre ristampato le cronache di Varese dell’Adamollo e del Borri. Purtroppo bisognerebbe avere tempo e denaro per andare a recuperare tutti quei documenti preziosi che sono ancora conservati nell’archivio di Stato, nel registro notarile e nell’archivio delle parrocchie di Varese e Como (una volta infatti la città era provincia di Como ndr).
Organizziamo varie manifestazioni come la Festa della Giöbia, il Carnevale, il Palio ed altre ancora.

Per alcuni anni la Famiglia Bosina ha goduto di un significativo appoggio di due banche: il Credito Varesino e la Popolare di Luino. La maggior parte delle entrate però arrivano dalla quota associativa degli aderenti, che oggi sono circa 190. In alcune occasioni, come il Carnevale, un importante aiuto ci viene dal Comune di Varese.